gattiblog.typepad.com > poesie a quattro zampe

« Torna a poesie a quattro zampe

Freya

Freya

la nonna di Kaishe, nel 1908, in terza elementare imparò questa poesiola deliziosa che, molti anni dopo, recitò a figli, nipoti e pronipoti, penso che a Gabry non spiaccia se la inserisco nell'album a lei dedicato:

L'altra sera il mio nonnino
portò a casa un panierino.
Io esclamai: Oh, che piacere!
Saran mele o saran pere?
Non appena aperto fu
un musetto venne su
un musetto biricchino
era quello di un gattino.
Sulla terra non c'è gatto
più gentile e più ben fatto
occhi azzurri come il cielo
salta e corre qua e là
va a dormire sul sofà.
Ha acchiappato un topolino
quel monello di un gattino

Permalink